Blog

Contro il fanatismo

Sto pericolosamente cedendo alle serie tv! Del resto sui canali normali c'è assai poco da vedere.
Dopo aver apprezzato 'La regina degli scacchi', seguendo i consigli ricevuti, ho visto la miniserie (al momento non vado oltre le mini) tedesca-americana Unorthodox, che racconta le vicende di Esther, detta 'Esty', Shapiro una ragazza della comunità ebraica chassidica, Satmar, ultraortodossa ben oltre il fanatismo, che vive con regole rigidissime che, tra l'altro, assegnano ruoli di mera procreazione alle donne, date in sposa giovanissime. Una comunità chiusa nel quartiere di Williamsburd a New York. Esty è diversa, rifiuta tali regole e fugge a Berlino, dove vive la mamma (dalla quale lei pensa di essere stata abbandonata), dove, un po' come in una fiaba, incontra un gruppo di ragazzi musicisti che un po' la adotta e "la salva". Recitazione in molta parte in yiddish (con sottotitoli), con ottimi attori a cominciare da Esty.
Un film che mette in evidenza i mali del fanatismo (in questo caso religioso, ma vale per ogni fanatismo), della chiusura ermetica di micro-comunità, del bisogno di libertà che ci spinge ad aprirci, a conoscere il mondo, a difendere le diversità. Una lezione che vale anche per quelli che si considerano (ritenendo questo un merito) sempre 'duri e puri' ortodossi.
Consiglio assolutamente di vedere anche il documentario di 20 minuti, Making Unorthodox che racconta molto di come è stata girata la serie e della comunità Satmar.

<< Indietro

Ultimi post

Cultura e turismo nella bozza del “Recovery Plan” del Governo

Qualche settimana fa avevamo sostenuto con forza l’esigenza di un Cultural Recovery Plan, cioè un piano capace di porre la cultura quale...

La Società Parchi Val di Cornia, un modello che deve continuare a essere tale

Seguo con grande preoccupazione la vicenda della Società Parchi Val di Cornia, che spero vivamente possa trovare una soluzione...

Grazie prof. Martin

Un'altra pessima notizia ciè appena giunta; Una grave perdita per il mondo della ricerca storica e della cultura: è scomparso Jean-Marie Martin....

Finalmente un punto di incontro tra cultura e università

La fine del difficilissimo 2020 ha visto la nascita di uno strumento, atteso da anni, che potrebbe consentire un felice incontro tra due...