Blog

Faragolarabafenice

Appena rientrato dall'estero, ancora un po' intontito per il jet lag, sono andato a Faragola. Lì l'intontimento è aumentato notevolmente per la miscela di sensazioni, emozioni, dubbi, timori, rabbie, speranze. Ma con una mia idea che si è confermata attraverso la visione autoptica e l'analisi delle tracce, com'è nel metodo archeologico: nessuno mi toglie dalla testa che si sia trattato di un incendio doloso; tutt'intorno alla struttura andata in fiamme la terra è pulita, non ci sono tracce di bruciato, l'erba, tagliata di recente, è secca, gialla, in alcuni tratti anche verde, pulita, non ha segni di bruciato; c'è una fascia senza significative tracce di bruciato di almeno 10-20 metri intorno all'area musealizzata ora distrutta; nel vicino oliveto gli unici alberi bruciacchiati sono quelli della fila vicina al sito archeologico, ma anche un tubo di plastica che corre lungo il confine è integro (avrebbe dovuto squagliarsi se il fuoco fosse arrivato di lì!); mi sembra impossibile che il fuoco sia arrivato da sterpaglie bruciate. L'impianto elettrico era disattivato.
Ma non è di questo che voglio parlare (le indagini sono ancora in corso e attendiamo con fiducia i risultati), ma del presente e del futuro. La fase di messa in sicurezza prosegue. Poi partirà la realizzazione di una copertura di cantiere. Poi, sulla base di un progetto, partiranno i restauri e la realizzazione di una nuova copertura. Non tutto potrà essere recuperato ma si cercherà di fare il massimo e si troveranno i modi, anche con le tecnologie multimediali, per restituire la possibilità di garantire la comprensione del sito e la comunicazione della sua importanza. Cosa fare nel frattempo? Credo sia necessario soprattutto non far calare l'attenzione (che vedo già pericolosamente in calo; in alcuni casi si è manifestata assai poco, come emerge dalle poche decine di abitanti di Ascoli Satriano che hanno sentito il bisogno di andare a vedere cosa è successo (o anche magari a portare una bevanda o un caffè a chi stava lavorando anche sabato e domenica tra le lamiere e la cenere), dall'assoluta mancanza di disponibilità da parte di imprenditori locali a dare una mano nell'emergenza, dalla latitanza di certi politici e amministratori, passato il primo momento e andate via le telecamere (alcuni per la verità continuano a seguire la cosa con attenzione).
Nelle prossime settimane bisognerà organizzare un’iniziativa pubblica sul sito. Inoltre sarà bene allestire una mostra sul cantiere e magari anche installazioni multimediali. Infine sarebbe bello realizzare un’opera d’arte con le lamiere contorte della copertura, a memoria di questa tragedia. E parleremo di Faragola ovunque ce lo chiederanno. Insomma bisognerà far vivere il sito anche in questa fase di emergenza e poi di cantiere di restauro e di ricostruzione. Un cantiere aperto, partecipato, pubblico.
Solo così Faragola potrà rinascere dalle sue ceneri come la fenice


<< Indietro

Ultimi post

Mario Pani e la storia del territorio

Sull’impegno nella ricerca scientifica, nella didattica e nell’organizzazione culturale di Mario Pani è stato già scritto molto da...

Il dolore degli archeologi per la scomparsa di Peppino Roma

L’improvvisa scomparsa di Giuseppe Roma (Peppino per tutti gli amici e colleghi) lascia un segno profondo nella comunità degli archeologi, per i...

Relazione del Presidente prof. Giuliano Volpe in occasione dell’ultima seduta del Consiglio superiore ‘Beni culturali e paesaggistici’, triennio 2015-2018 (11 giugno 2018)

È con una certa emozione che cerco di tracciare, sia pur sinteticamente, un bilancio del lavoro svolto dal Consiglio superiore ‘Beni culturali e...

Quando un liquore racconta la storia

Il terzo giorno a Chengdu prevede la visita ad un museo per certi aspetti insolito, Shuijinfang Museum: un museo dedicato ad una antica fabbrica di grappa,...