Blog

Finale a sorpresa

Visto 'Finale a sorpresa', film delizioso e intelligente, con tre attori bravissimi, una (Penelope Cruz) nella parte di una registra d'avanguardia, stravagante, puntigliosa al limite della crudeltà, due nella parte di attori impegnati nella preparazione di un film, nelle prove preliminari alle riprese: Antonio Banderas nella parte del bel divo strapagato e viziato, tutto fuoriserie, fidanzate belle e stupide, miti holliwoodiani, Oscar Martínez nella parte dell'attore impegnato, intellettuale, maestro di teatro. Uno più bravo dell'altro nella competizione, entrambi narcisisti ognuno a modo suo, egocentrici ed egoriferiti, in una gara che raggiunge l'odio reciproco, con una regista altrettanto innamorata della sua geniale creatività. Forse un po' eccessiva è la polarizzazione tipologica dei due attori e della regista, che quasi rappresentano dei topoi del dorato mondo del cinema .Un film sul e nel film una grande prova di recitazione (peccato non averlo visto in lingua originale, anche se i doppiatori sono bravissimi) con la messa in campo di tutte le infantili vanità (come il ritardo all'appuntamento per le prove), il machismo nel rivendicare i premi o la presunta e narcisistica purezza nel rifiutare premi che forse non si riceveranno mai, i tic, le manie, i riti per prepararsi alla recitazione. Un bel film insomma, che mi sento di consigliare.
<< Indietro

Ultimi post

Il cuoco di Federico II

Ho appena finito di leggere le settecentocinquantuno pagine “Il cuoco dell’imperatore” di Raffaele Nigro (La nave d Teseo) e voglio esprimere il mio pieno...

Per Piero Angela

E' scomparso una grande divulgatore, e soprattutto una persona colta, curiosa, perbene, gentile, sempre disponibile, mai arrogante. Ho avuto il piacere e...

ARCHEOLOGI “AL RIBASSO” SULLO SCAVO COME AL MERCATO

Nonostante alcune migliorie normative introdotte il lavoro dell’archeologo continua a essere oggetto di un vero sfruttamento delle capacità professionali di...

“Decisione sofferta” di Volpe: lascia Foggia senza rancore, ma “la scellerata chiusura di Archeologia ha inciso”

“Dopo 20 anni, un pezzo di vita, lascio Foggia. E’ stata una decisione difficile, sofferta, ma non voglio dare l’impressione di andar via sbattendo la...