Blog

Gli archeologi universitari creano una casa comune

Sabato 23 marzo, in un'assemblea costituente svolta presso la Sala conferenze del Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo, a Roma, è stata istituita la Federazione delle Consulte di Archeologia (FCdA), alla quale hanno aderito le Consulte universitarie di Preistoria e Protostoria (presidente Andrea Cardarelli), di Archeologia del mondo classico (presidente Maura Medri) e delle Archeologie post-classiche (presidente Giuliano Volpe). La federazione rappresenta l'esito di un lungo percorso svolto dalle Consulte universitarie, cui afferiscono i docenti delle diverse discipline archeologiche attivi nelle Università italiane.

È stato approvato lo Statuto della Federazione ed è stata costituita la Giunta, composta da tre componenti per ciascuna delle Consulte che hanno dato vita alla Federazione: Andrea Cardarelli, Gianmaria Di Nocera e Giulia Recchia (per la Consulta di Preistoria e Protostoria), Jacopo Bonetto, Maura Medri e Grazia Semeraro (per la Consulta di Archeologia del mondo classico), Fabio Pinna, Francesca Romana Stasolla e Giuliano Volpe (per la Consulta delle Archeologie post-classiche). L'elezione del Presidente sarà effettuata a breve con una votazione online per consentire la partecipazione al voto a tutti i docenti, anche a quanti non hanno potuto essere presenti in occasione dell'assemblea costituente, nel corso della quale è stata formalizzata la candidatura di Giuliano Volpe. Successivamente la Giunta procederà anche alla designazione del vicepresidente, del segretario, del tesoriere e dei Collegi dei Garanti e dei Revisori dei Conti.

La Federazione intende rappresentare, in maniera unitaria, le diverse anime delle archeologie universitarie, sviluppare la riflessione e elaborare proposte relative sia alla formazione, alla ricerca e alla terza missione universitaria in campo archeologico sia, più in generale, al ruolo dell'archeologia nella società contemporanea, offrire un contributo di idee e di iniziative per sviluppare la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico nel nostro Paese, consolidare il rapporto di collaborazione con le altre rappresentanze del mondo archeologico italiano operanti nel MiBAC, negli Enti locali e nelle professioni

Pubblicato in https://www.huffingtonpost.it/giuliano-volpe/gli-archeologi-universitari-creano-una-casa-comune_a_23699332/?fbclid=IwAR3k31UDZVGzdsHRHwzKuC4OwLKKNaxjz6n7eKOhSA3nCnCRT0TWavTQGPQ
<< Indietro

Ultimi post

Vieste, non solo mare negli insediamenti dell’antica Uria. Un tuffo nella storia

Vieste è la capitale pugliese del turismo. Negli scorsi anni ha raggiunto il record di due milioni di presenze. Quest’anno è ancora...

L’italia intera si mobilita a favore della salvaguardia del patrimonio culturale Sicilia. “Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini”

 “Incredibile è stata la mobilitazione nazionale a favore della Sicilia e della salvaguardia del suo patrimonio”, questa la...

Viaggio nell’Italia virtuosa. Il primo miglio della via Appia

La via Appia - la strada che collegava Roma con Brindisi - è forse la più nota delle vie consolari romane. Da qualche anno è...

Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

Un appello di docenti, storici dell'arte, scrittori, intellettuali e professionisti per chiedere all'Ars di "ritirare immediatamente" il disegno di legge di...