Blog

Includere, riscoprire, valorizzare: la lectio magistralis di Giuliano Volpe

Inclusione, riscoperta, valorizzazione: queste le parole chiave della lectio magistralis tenuta da Giuliano Volpe, Presidente del Consiglio superiore per i Beni culturali e paesaggistici del MiBACT, nell’ambito del Festival Leggere&Scrivere. Maria D’Andrea e Fabrizio Sudano, partendo da una riflessione sulle problematiche che interessano la gestione del patrimonio culturale nella città di Vibo, chiedono quale possa essere la ricetta per affrontare e superare questi problemi.

Volpe apre la sua lectio con la tragica immagine del rogo di Faragola in Puglia: il sito, in seguito a uno scavo accurato e volto a interventi di ricerca e musealizzazione, è stato successivamente distrutto da un incendio dovuto all’assenza di una gestione che si occupasse principalmente di salvaguardia e protezione dello stesso. Eventi di questo genere invalidano gli sforzi profusi e le risorse investite in ricerca, formazione e valorizzazione. Ne deriva un’attenta e amara riflessione sulla discontinuità che ha caratterizzato per anni il Ministero dei Beni culturali (con ben 26 Ministri in 40 anni) e sul mancato rinnovamento di un’istituzione la cui struttura organizzativa risale al 1909. Come Volpe ci ricorda, il riformismo è un processo lungo e faticoso, fatto di piccoli passi e inevitabile per il rinnovamento della società.

Archeologia e patrimonio sono tuttora intese come “un insieme di oggetti da proteggere”, in primo luogo proprio dai cittadini, che dovrebbero esserne al contrario i principali difensori, in quanto proprietari e fruitori di tali beni: “siamo così immersi nel patrimonio” ci dice Volpe “da non essere più in grado di riconoscerlo” e questo ci porterà inevitabilmente a distruggerlo. L’archeologia va invece intesa come “un sistema di relazioni, un contesto omogeneo da riconoscere e trasformare senza distruggerlo”.

L’inclusione è dunque il primo importante passo per la valorizzazione del patrimonio: inclusione dei cittadini nelle operazioni di tutela con il passaggio da una tutela basata sui vincoli a una di tipo sociale, che cancelli il baratro tra pubblico e specialisti.

Seguendo i dettami della Convenzione europea di Faro (2005), basata sull’idea che la conoscenza e l’uso dell’eredità culturale fanno parte dei diritti di ciascun individuo, potremmo attuare una vera e propria rivoluzione culturale che ci permetta di avvicinare i cittadini alla conoscenza del patrimonio, modificare il linguaggio specialistico per riuscire a comunicare efficacemente col pubblico, senza banalizzare ma rendendo chiaro ciò che dovrebbe essere alla portata di tutti e che risulta spesso inaccessibile, allontanarci da una visione sacralizzata e isolata dei Musei, non intesi come sistemi chiusi ma come ambienti comunicativi e vivi.

Da: http://www.tropeafestival.it/news/includere-riscoprire-valorizzare-la-lectio-magistralis-di-giuliano-volpe/


<< Indietro

Ultimi post

Mario Pani e la storia del territorio

Sull’impegno nella ricerca scientifica, nella didattica e nell’organizzazione culturale di Mario Pani è stato già scritto molto da...

Il dolore degli archeologi per la scomparsa di Peppino Roma

L’improvvisa scomparsa di Giuseppe Roma (Peppino per tutti gli amici e colleghi) lascia un segno profondo nella comunità degli archeologi, per i...

Relazione del Presidente prof. Giuliano Volpe in occasione dell’ultima seduta del Consiglio superiore ‘Beni culturali e paesaggistici’, triennio 2015-2018 (11 giugno 2018)

È con una certa emozione che cerco di tracciare, sia pur sinteticamente, un bilancio del lavoro svolto dal Consiglio superiore ‘Beni culturali e...

Quando un liquore racconta la storia

Il terzo giorno a Chengdu prevede la visita ad un museo per certi aspetti insolito, Shuijinfang Museum: un museo dedicato ad una antica fabbrica di grappa,...