Blog

Michele Balestrieri colpisce ancora

Roberto Costantini ha fatto nuovamente centro. Il suo sesto (e parrebbe ultimo) libro con protagonista Michele Balistreri è bello e avvincente come i precedenti. Ammetto che nelle prime pagine non mi aveva convinto e temevo che mi deludesse. Il rischio di trasformare in un ritornello già sentito l’insistenza su alcuni riti ricorrenti (le gitanes, il lagavulin, Cohen) e un storia inizialmente dall’apparenza poco interessante (e che poco interessava Balistreri) mi hanno fatto cogliere una certa stanchezza e ripetitività. Poi con lo scorrere delle pagine e degli avvenimenti sempre più intricati dell’indagine emerge il meglio dei romanzi di Costantini: trame complesse e avvincenti, personaggi ben disegnati, dialoghi credibili, qualità della scrittura, sfondo storico perfettamente descritto. Qui i fatti sono forse più laidi e il noir prevale sul giallo, ma Michele Balistreri è personaggio riuscitissimo, come i suoi collaboratori. Riuscitissimo anche il racconto costruito su due momenti diversi, il 1990 e il 2018. Insomma un altro libro molto riuscito, di piacevole lettura.
<< Indietro

Ultimi post

Parasite-paradise

Ho visto il film Parasite, di recente vincitore a Cannes. Un film molto originale, per certi versi spiazzante, divertente e paradossale ma anche drammatico e...

Archeologia, riportiamo a casa il tesoro di Lucera: il crowdfunding per restituire alla comunità tre antiche teste

Tra il 1934 e il 1935, Renato Bartoccini, allora soprintendente alle Antichità della Puglia, condusse scavi nell'area della villa comunale di Lucera,...

«Per Palazzo d’Avalos il ministero pensa a un intervento concreto»

Parla l’archeologo Giuliano Volpe, ex presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali fino allo scorso anno di Federico...

Giusto che l'Uomo Vitruviano vada a Parigi, ma non può essere il Tar a decidere

Il TAR del Veneto ha respinto il ricorso con il quale Italia Nostra chiedeva di bloccare il prestito al Louvre dell’Uomo Vitruviano di Leonardo...