Blog

Michele Balestrieri colpisce ancora

Roberto Costantini ha fatto nuovamente centro. Il suo sesto (e parrebbe ultimo) libro con protagonista Michele Balistreri è bello e avvincente come i precedenti. Ammetto che nelle prime pagine non mi aveva convinto e temevo che mi deludesse. Il rischio di trasformare in un ritornello già sentito l’insistenza su alcuni riti ricorrenti (le gitanes, il lagavulin, Cohen) e un storia inizialmente dall’apparenza poco interessante (e che poco interessava Balistreri) mi hanno fatto cogliere una certa stanchezza e ripetitività. Poi con lo scorrere delle pagine e degli avvenimenti sempre più intricati dell’indagine emerge il meglio dei romanzi di Costantini: trame complesse e avvincenti, personaggi ben disegnati, dialoghi credibili, qualità della scrittura, sfondo storico perfettamente descritto. Qui i fatti sono forse più laidi e il noir prevale sul giallo, ma Michele Balistreri è personaggio riuscitissimo, come i suoi collaboratori. Riuscitissimo anche il racconto costruito su due momenti diversi, il 1990 e il 2018. Insomma un altro libro molto riuscito, di piacevole lettura.
<< Indietro

Ultimi post

L’idea che i parchi archeologici sono riconoscibili perché delimitati da una cinta muraria, non vale per il nostro Paese.

In Italia la piaga dell’incuria molto spesso sanguina, ma potrebbe facilmente rimarginarsi se tutti i cittadini realizzassero di abitare veri e propri...

Il commiato del commissario

Ho molto amato Camilleri, sia i romanzi di Montalbano sia (in particolare) i suoi romanzi storici. La concessione del telefono è, ad esempio, un...

Canosa, città museo nel segno di Sabino: il vescovo-santo che la fece grande

Canosa è una delle capitali dell’archeologia pugliese, e non solo. La sua storia è lunghissima e le tracce archeologiche del suo passato...

Gente del Sud

Ecco un libro che consiglio in maniera convintissima. Gente del Sud di Raffaello Mastrolonardo. Lo faccio da semplice lettore, senza alcuna pretesa da...