Blog

Ultras

Da quando c'è la reclusione forzata in casa abbiamo deciso di guardare ogni sera un bel film. Quello visto stasera è davvero un gran film, molto originale, girato benissimo, con attori prevalentemente non professionisti. Ultras, di un bravissimo Francesco Lettieri (con le musiche di Liberato), parla di Napoli, del rapporto morboso con la squadra, ma senza mai mostrare una partita o una scena di gioco, ma attraverso un club ultras, gli Apache. Un film che è quasi un'analisi etno-antropologica e psico-sociologica, sulle dinamiche del gruppo, sui leader, su scontri anche generazionali, sulla violenza, ma ricco anche di immagini belle, di 'tenerezze', solidarietà e di amicizia e anche di amore (nelle forme in cui è possibile in quel tipo di realtà). Un film con immagini di massa, con continui contatti, abbracci, baci, strette di mano, che in queste ore sembrano ornai appartenere ad un'altra epoca. Un film assolutamente da non perdere.
<< Indietro

Ultimi post

La Puglia rupestre ha un cuore medievale nascosto nella Lama d’Antico,

L’habitat rupestre rappresenta una delle peculiarità di lunga durata della Puglia, fortemente legata alle sue caratteristiche geomorfologiche, in...

Vieste, non solo mare negli insediamenti dell’antica Uria. Un tuffo nella storia

Vieste è la capitale pugliese del turismo. Negli scorsi anni ha raggiunto il record di due milioni di presenze. Quest’anno è ancora...

L’italia intera si mobilita a favore della salvaguardia del patrimonio culturale Sicilia. “Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini”

 “Incredibile è stata la mobilitazione nazionale a favore della Sicilia e della salvaguardia del suo patrimonio”, questa la...

Viaggio nell’Italia virtuosa. Il primo miglio della via Appia

La via Appia - la strada che collegava Roma con Brindisi - è forse la più nota delle vie consolari romane. Da qualche anno è...