Blog

Un patrimonio italiano a Salerno

Pur in precarie condizioni, debilitato e dolorante, a causa di una brutta infezione alimentare (un pugliese non dovrebbe mai mangiare pesce crudo se non in Puglia, in ristoranti assolutamente sicuri!) stamane ho tenuto la presentazione del mio libro nel bel Museo Archeologico Provinciale di Salerno, gestito dalle Fonderie Culturali, con Giuseppe Ariano, Alfonso Andria, Gabriel Zuchtriegel, Gaetano Lofrano. Tanta gente e tanto interesse. Miracolosamente, non so come, ritrovo un po' di forze e tengo la relazione con un ppt. Belle e interessanti le altre relazioni, che parlano di Paestum, della esperienza di Arte Pollino e di quella del Museo di Salerno e delle fiderei culturali, un altro esperimento di efficace gestione dal basso del patrimonio. Ho conosciuto tanti ragazzi in gamba, molto impegnati, e anche varie altre persone meno giovani ma non meno impegnate. Una bella mattinata, e nonostante il mio stato non buono spero di essere riuscito a comunicare i contenuti del libro.
<< Indietro

Ultimi post

Zone terremotate, una mozione per ricostruire il nostro patrimonio culturale

"Il patrimonio culturale è il futuro dei territori colpiti dal terremoto". È questo il titolo della mozione del Consiglio Superiore "Beni...

Il Consiglio Superiore BCP a Matelica e Camerino

Due giorni intensi nelle zone terremotate delle Marche. Su invito dell'attivo sindaco di Matelica Alessandro Delpriori e dell'ottimo rettore di...

RIPORTIAMO A CASA UN FRAMMENTO DI STORIA DELLA DAUNIA.

Raccogliendo la sollecitazione di molte persone sui social media, la Fondazione Apulia felix lancia una raccolta di fondi per l'acquisto di una stele daunia in...

Un patrimonio italiano a Salerno

Pur in precarie condizioni, debilitato e dolorante, a causa di una brutta infezione alimentare (un pugliese non dovrebbe mai mangiare pesce crudo se non in...