Blog

Una squadra di qualità

Il 7 gennaio a Roma Nichi Vendola ha presentato le teste di lista di SEL per Camera e Senato in tutte le regioni italiane, esito della selezione di alcune personalità e della direzione nazionale in una lista nazionale, di cui io stesso faccio parte, e dei risultati delle primarie del 29 e 30 dicembre.
Le personalità scelte dall’assemblea nazionale, oltre me, sono: Giorgio Airaudo (Segreteria Nazionale FIOM), Giovanni Barozzino (Operaio Fiat - espulso perché iscritto alla FIOM), Laura Boldrini (Portavoce ONU per i rifugiati), Celeste Costantino (Attivista Antimafia e per i diritti delle donne), Pape Diaw (Portavoce Comunità Senegalese di Firenze), Ida Dominijanni (Giornalista), Francesco Forgione (Ex Presidente Commissione Antimafia), Monica Frassoni (Vice Presidente Verdi Europei), Giulio Marcon (Portavoce di "Sbilanciamoci!"), Roberto Natale (Presidente Nazionale Federazione della Stampa).
Ho potuto verificare personalmente lo spirito di squadra che si è subito instaurato tra di noi, garzie anche alle competenze diversificate presenti: in Parlamento saremo un gruppo competente, agguerrito, attento, critico, propositivo.
In Puglia sono candidato al secondo posto nella lista per i Senato, dopo Dario Stefàno, che ha ottenuto il migliore risultato nelle primarie in Puglia. Sono soddisfatto e ringrazio la Direzione Nazionale di SEL per questa decisione. Sono anche particolarmente soddisfatto della qualità delle liste, non solo in Puglia ma anche in tutte le regioni e auspico un risultato altamente positivo, che possa consentire la costruzione di una folta e qualificata rappresentanza nei due rami del Parlamento, in modo da poter efficacemente sostenere le ragioni di una diversa visione dello sviluppo del nostro Paese e dell'Europa, più giusto, più equo, più ecologico, più attento alla cultura e alla formazione, al lavoro e alla difesa dei ceti e delle categorie che in questi anno hanno maggiormente pagato i costi della crisi.
Ora è il momento di una bella campagna elettorale fatta di discussione dei problemi veri, fatta di partecipazione, fatta di confronto e di entusiasmo. E se ce la faremo, non dimenticherò mai di essere un rappresentante della Capitanata e della Puglia, della cultura, della scuola e dell'università, del patrimonio culturale e paesaggistico.
<< Indietro

Ultimi post

L’idea che i parchi archeologici sono riconoscibili perché delimitati da una cinta muraria, non vale per il nostro Paese.

In Italia la piaga dell’incuria molto spesso sanguina, ma potrebbe facilmente rimarginarsi se tutti i cittadini realizzassero di abitare veri e propri...

Il commiato del commissario

Ho molto amato Camilleri, sia i romanzi di Montalbano sia (in particolare) i suoi romanzi storici. La concessione del telefono è, ad esempio, un...

Canosa, città museo nel segno di Sabino: il vescovo-santo che la fece grande

Canosa è una delle capitali dell’archeologia pugliese, e non solo. La sua storia è lunghissima e le tracce archeologiche del suo passato...

Gente del Sud

Ecco un libro che consiglio in maniera convintissima. Gente del Sud di Raffaello Mastrolonardo. Lo faccio da semplice lettore, senza alcuna pretesa da...