Blog

VISITA IN VALNERINA DEL CONSIGLIO SUPERIORE DEI BENI CULTURALI DEL MIBACT.

Il giorno 10 novembre 2017 una delegazione del Consiglio Superiore dei Beni Culturali del Ministero dei Beni, delle Attività culturali e del Turismo, guidata dal Presidente prof. Giuliano Volpe e costituita dal Segretario Generale arch. Carla Di Francesco e dai Presidenti e membri dei Comitati tecnico-scientifici, visiterà il deposito di S. Chiodo a Spoleto in cui sono ricoverate le opere messe in salvo dopo il terremoto del 2016 e il laboratorio di messa in sicurezza e restauro delle opere stesse. Nel deposito il membri del Consiglio Superiore incontreranno S.E l’arcivescovo di Spoleto Norcia Mons. Renato Boccardo.
La visita sarà condotta dalla Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria dott.ssa Marica Mercalli e dal Direttore dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, che coordina le attività di restauro, dott. Marco Ciatti. 
Nel deposto di S. Chiodo, intorno alle ore 11, i presenti incontreranno i giornalisti invitati in conferenza stampa. 
Alla conferenza parteciperanno: il Presidente del Consiglio Superiore prof. Giuliano Volpe, la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, S.E. l’Arcivescovo Renato Boccardo, la Soprintendente ABAP dell’Umbria dott.ssa Marica Mercalli, il Direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro arch. Gisella Capponi, il Direttore dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze dott. Marco Ciatti
Il programma proseguirà a Norcia dove saranno presentati i maggiori cantieri di ‘messa in sicurezza’ delle chiese e a San Salvatore in Campi dove, anche con la presenza dell’arch. Gisella Capponi, saranno mostrati i lavori di ‘messa in sicurezza’ e di selezione dei frammenti di affreschi della chiesa nella quale sarà a breve allestito un laboratorio di restauro di cui avrà la direzione scientifica lo stesso ISCR, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria.

All’incontro sarà presente la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini che illustrerà tutte le opere di salvaguardia dei beni culturali alle quali Regione Umbria, , del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Diocesi di Spoleto Norcia e comuni della Valnerina stanno fattivamente lavorando.

La visita si inquadra nel programma di incontri che il Consiglio Superiore ha voluto promuovere nei maggiori centri del cratere del sisma (visita nelle Marche a Matelica nel marzo 2017) al fine di valutare i risultati fino ad oggi raggiunti e di dare un concreto segnale di solidarietà del massimo organo consultivo del Ministro dei Beni Culturali, non solo ai funzionari tecnici impegnati nell’azione di recupero e salvaguardia, ma anche a tutte le istituzioni presenti sul territorio.


<< Indietro

Ultimi post

Mario Pani e la storia del territorio

Sull’impegno nella ricerca scientifica, nella didattica e nell’organizzazione culturale di Mario Pani è stato già scritto molto da...

Il dolore degli archeologi per la scomparsa di Peppino Roma

L’improvvisa scomparsa di Giuseppe Roma (Peppino per tutti gli amici e colleghi) lascia un segno profondo nella comunità degli archeologi, per i...

Relazione del Presidente prof. Giuliano Volpe in occasione dell’ultima seduta del Consiglio superiore ‘Beni culturali e paesaggistici’, triennio 2015-2018 (11 giugno 2018)

È con una certa emozione che cerco di tracciare, sia pur sinteticamente, un bilancio del lavoro svolto dal Consiglio superiore ‘Beni culturali e...

Quando un liquore racconta la storia

Il terzo giorno a Chengdu prevede la visita ad un museo per certi aspetti insolito, Shuijinfang Museum: un museo dedicato ad una antica fabbrica di grappa,...