Blog

'La vita davanti a sé'

Visto su Netflix 'La vita davanti a sé'; carino ma non pienamente riuscito. Troppo poco il pathos rispetto al tema trattato. Molto meno del libro da cui è tratto.
Coraggiosa la prova di Sophia Loren che a 86 anni interpreta una parte di donna provata dalle durezze di una vita, non priva di eventi tragici, mettendo in evidenza anche il peso dei suoi anni (e in questo è molto bella). Molto molto bravo il piccolo Momò (Ibrahima Gueye).
Ci sono però indubbie debolezze della regia e alcune cadute nella recitazione, nei dialoghi. In alcuni momenti, soprattutto nella parte finale, ci si commuove, ma un film con una storia come quella, con le varie tragedie vissute da Madame Rosa, dal piccolo Momò e dagli altri bambini (figli di prostitute) da lei ospitati in casa, dal trans e dagli altri personaggi, avrebbe potuto coinvolgere emotivamente (e non solo) lo spettatore molto di più.
Interessante l'ambientazione barese-pugliese e belle alcune riprese. Insomma, a mio parere, non un capolavoro ma un film che merita di essere visto.

<< Indietro

Ultimi post

Cultura e turismo nella bozza del “Recovery Plan” del Governo

Qualche settimana fa avevamo sostenuto con forza l’esigenza di un Cultural Recovery Plan, cioè un piano capace di porre la cultura quale...

La Società Parchi Val di Cornia, un modello che deve continuare a essere tale

Seguo con grande preoccupazione la vicenda della Società Parchi Val di Cornia, che spero vivamente possa trovare una soluzione...

Grazie prof. Martin

Un'altra pessima notizia ciè appena giunta; Una grave perdita per il mondo della ricerca storica e della cultura: è scomparso Jean-Marie Martin....

Finalmente un punto di incontro tra cultura e università

La fine del difficilissimo 2020 ha visto la nascita di uno strumento, atteso da anni, che potrebbe consentire un felice incontro tra due...