Blog

Nuova missione a Chengdu

Nuova missione a Chengdu, la terza alla quale partecipo nel giro di poco più di un anno. Questa volta l'impegno riguarda un corso di formazione per architetti e archeologi sui temi dell'archeologia urbana. E' anche l'occasione per una riunione ufficiale per esaminare il progetto di sistemazione del sito archeologico urbano di Donghuamen, oggetto di un grande importante scavo. Si visita anche la struttura di un vecchio albergo dismesso, che nel giro di un paio di anni diventerà la nuova sede dell'istituto di archeologia del Sichuan e del centro sino-italiano di archeologia. Si visita nuovamente il bel museo (privato; un museo d'impresa) della produzione della grappa cinese secondo sistemi tradizionali e, infine, il sito e il museo di Jinsha, con i meravigliosi laboratori, dove si tiene anche la cerimonia finale del corso. Un soggiorno intenso e molto produttivo, tappa di una collaborazione che prende sempre più forma, a partire da un accordo tra la provincia del Sichuan e il, MANN di Napoli (Paolo Giulierini) e che spero possa diventare sempre più sistematica, coinvolgendo anche i nostri allievi e collaboratori, per creare una generazione di ricercatori davvero internazionale.
<< Indietro

Ultimi post

La saga dei Florio

Ieri sera ho finito leggere il secondo volume della saga dei Florio, oggi sono a Palermo e il destino ha voluto che il mio albergo sia in piazza Ignazio...

Ok alle lauree abilitanti, ma come funziona per le professioni non ordinistiche?

È ormai legge dello Stato la trasformazione in lauree abilitanti per tutte quelle professioni definite da ordini professionali. Si era...

Viaggio nell’Italia virtuosa. Piscina Mirabilis o la Cattedrale dell’acqua

È il primo esperimento di partenariato pubblico privato avviato da un istituto del Ministero della Cultura, il Parco Archeologico dei Campi Flegrei,...

VIETATO FOTOGRAFARE! BBCC FRA TEOCRAZIA E DIRITTO

Fino al 2014 fotografare nei musei era proibito. Solo dal 2017 la libertà di foto è stata estesa ad archivi e biblioteche. Ma, dopo questa prima...