Blog

I Bronzi, Sgarbi e gli attacchi a Volpe

Il Ministro Franceschini ha istituito una commissione tecnica per decidere se i Bronzi di Riace debbano o no essere spostati per andare all’Expo di Milano 2015.

La Commissione ha esposto in una relazione i motivi che l’hanno indotta a dare un parere negativo allo spostamento.

Si tratta di una risposta tecnicamente attesa, dal momento che al quesito se i due bronzi potessero essere spostati “senza pregiudizio alcuno” era difficile rispondere di sì.

Consapevole di questo, la commissione ha indicato anche alcuni gravi ritardi nella politica complessiva di cessione temporanea delle opere conservate nei nostri musei e lamentato la mancanza di progetti scientifici e culturali tali da superare estemporaneità delle tante richieste, che giungono dall’Italia e dall’estero.

Niente di ideologico, dunque, ma un tentativo di riportare una questione specifica nell’ambito di una riflessione generale sul tema.

La decisione è stata accolta con soddisfazione da molti e con perplessità e scontento da altri. E’ normale che sia così: il tema infatti non è risolvibile solo in termini tecnici.

Quello che non è accettabile è la pratica dell’insulto, che anche in questo caso è scattata da parte di Vittorio Sgarbi, che ha accusato i commissari di essere non solo incapaci e bugiardi, ma anche concussi, perché la loro sarebbe stata una decisione politica. Bersaglio di un intervento particolarmente triviale in una trasmissione televisiva, ovviamente in assenza di qualunque contraddittorio, è stato il prof. Giuliano Volpe, presidente della Commissione. Sgarbi forse non sa che un presidente non comanda e non decide da solo, ma ascolta e fa in modo che gli argomenti vengano presentati, discussi e affrontati con cognizion di causa e pacatezza, come la Commissione risulta abbia appunto fatto. Sgarbi forse non sa che Volpe è non solo persona integerrima, ma una personalità stimata nel mondo dei beni culturali, che ha portato vitalità, innovazione e speranza là dove oggi regna avvilimento e assenza di progettualità.

Sgarbi sa invece che il fango che getta sulle persone, anche dalle tribune a lui sempre aperte delle reti televisive pubbliche, è destinato a tornargli addosso, dal momento che oggi l’opinione pubblica sa distinguere meglio di ieri tra chi cerca di operare per il bene comune e chi costruisce a spese altrui la propria immagine narcisistica.

Daniele Manacorda

Clementina Panella

Carlo Pavolini

Riccardo Santangeli Valenzani

Elizabeth Jane Shepherd


<< Indietro

Ultimi post

Spiegate a Zahi Hawass che l’Egizio di Torino non è uno scalcagnato museo di provincia

È proprio sicuro il ministro Sangiuliano di cambiare l'attuale brillante gestione affidandosi all’archeologo egiziano che rappresenta...

Gli indesiderati

Sono tornato finalmente al cinema. In un periodo dell'anno che vede i cinema deserti. Certo non è facile in una sala non climatizzata, ma con il...

Torna l'archeologia a Rai Radio3 con Andrea Augenti

Vite tra le rovine. I grandi protagonisti dell’archeologia Questo nuovo ciclo di trasmissioni dedicato all’archeologia porta in primo...

Mandare via Christian Greco crea un danno al Museo Egizio e a Torino

Sangiuliano ha cominciato a far trapelare il nome di Zahi Hawass alla presidenza della Fondazione. Una maniera indiretta per far fuori Greco, magari costretto a...