Blog

L'ultimo paradiso

Ho visto "L'ultimo paradiso" di Rocco Ricciardulli, con Riccardo Scamarcio protagonista. Storia delle campagne pugliesi degli anni 50, tra braccianti sfruttati (e in particolare le donne costrette anche ad altre forme di violenza da padroni e caporali), piccoli proprietari costretti a vendere a costi bassissimi le proprie olive, intermediari che lucrano, carabinieri asserviti ai potenti locali. Storia vera alla quale si ispira il film con la vicenda di Ciccio Paradiso (Scamarcio), bel contadino sciupafemmine, sposato con figlio, che si innamora della figlia del principale proprietari terriero ma soprattutto spinge gli amici contadini e braccianti a ribellarsi ai soprusi, il fratello quasi gemello Antonio emigrato a Trieste, la bella Bianca e sua sorella, la famiglia di Ciccio. Immagini girate nei paesaggi della Murgia e a Gravina, alcune un po' troppo stereotipate, linguaggio e dialoghi credibili in discreta lingua pugliese, recitazione mediamente di qualità (bravo Scamarcio). Insomma direi non un capolavoro ma certamente un bel film da vedere. Il secondo in breve tempo, dopo 'La vita davanti a sé', di buona ambientazione pugliese. Entrambi avrebbero potuto essere qualcosa in più, ma a volte bisogna anche accontentarsi.
<< Indietro

Ultimi post

Spiegate a Zahi Hawass che l’Egizio di Torino non è uno scalcagnato museo di provincia

È proprio sicuro il ministro Sangiuliano di cambiare l'attuale brillante gestione affidandosi all’archeologo egiziano che rappresenta...

Gli indesiderati

Sono tornato finalmente al cinema. In un periodo dell'anno che vede i cinema deserti. Certo non è facile in una sala non climatizzata, ma con il...

Torna l'archeologia a Rai Radio3 con Andrea Augenti

Vite tra le rovine. I grandi protagonisti dell’archeologia Questo nuovo ciclo di trasmissioni dedicato all’archeologia porta in primo...

Mandare via Christian Greco crea un danno al Museo Egizio e a Torino

Sangiuliano ha cominciato a far trapelare il nome di Zahi Hawass alla presidenza della Fondazione. Una maniera indiretta per far fuori Greco, magari costretto a...