Blog

Lettera aperta di un giovane studente che lascia Foggia

Segnalo oggi una bella lettera aperta pubblicata su L'Attacco da Emanuele Sanzone, studente universitario, laureato triennalista Università degli Studi di Foggia, che comunica la sua decisione di trasferirsi a Milano per proseguire gli studi. Una decisone presa per allargare i propri orizzonti culturali in un'altra città e in un altra università (ovviamente mi dispiace che abbia deciso di lasciare la nostra Università, anche se comprendo bene le motivazioni), una scelta consapevole, fatta con coraggio ma senza quel risentimento o   quell'acredine che caratterizza a volte la decisione di chi parte. Una analisi chiara e condivisibile delle energie presenti e di quelle inespresse presenti in città e dei suoi difetti nell'arginare, marginalizzare o addirittura allontanare quelle energie e quelle competenze pure disponibili. Faccio i migliori auguri a Emanuele per la prosecuzione dei suoi studi e per il suo percorso di vita, condividendo la sua espressione finale ('parto ma non dimentico') e l'auspicio che lui e i tanti come lui abbiano l'opportunità e la voglia di mantere saldi i contatti e magari anche di tornare per contribuire a cambiare questa terra. 
<< Indietro

Ultimi post

Spiegate a Zahi Hawass che l’Egizio di Torino non è uno scalcagnato museo di provincia

È proprio sicuro il ministro Sangiuliano di cambiare l'attuale brillante gestione affidandosi all’archeologo egiziano che rappresenta...

Gli indesiderati

Sono tornato finalmente al cinema. In un periodo dell'anno che vede i cinema deserti. Certo non è facile in una sala non climatizzata, ma con il...

Torna l'archeologia a Rai Radio3 con Andrea Augenti

Vite tra le rovine. I grandi protagonisti dell’archeologia Questo nuovo ciclo di trasmissioni dedicato all’archeologia porta in primo...

Mandare via Christian Greco crea un danno al Museo Egizio e a Torino

Sangiuliano ha cominciato a far trapelare il nome di Zahi Hawass alla presidenza della Fondazione. Una maniera indiretta per far fuori Greco, magari costretto a...