Blog

Archeologia pubblica ad Agrigento: molte idee, un po' di fiducia in più

Si è chiuso ieri sera il convegno di archeologia pubblica di Agrigento: due giornate intense e utilissime, due giornate di relazioni ottime, di scoperta di realtà nelle quali si svolgono eccellenti attività di valorizzazione, di didattica, di coinvolgimento dei cittadini  (come il Parco della Valle dei Templi), di interventi di giovani archeologi di alto profilo professionale giustamente preoccupati e 'arrabbiati', di confronto sugli aspetti positivi e su quelli negativi dei modelli organizzativi adottati in Sicilia e nel resto d'Italia, di conoscenza di alcune importanti esperienze straniere, dalla Grecia alla Spagna all'Inghilterra; due giornate con molte ore di dibattito sulle relazioni (come non mi capitava da moltissimi anni); due giornate concluse anche con l'approvazione di un appello ai ministri Massimo Bray e Maria Chiara Carrozza e all'assessore regionale Mariarita Sgarlata; due giornate che ridanno fiducia sull'esistenza diffusa (ma ancora poco evidente) di tanti innovatori nel mondo dell'archeologia e dei beni culturali in Italia.
<< Indietro

Ultimi post

Zone terremotate, una mozione per ricostruire il nostro patrimonio culturale

"Il patrimonio culturale è il futuro dei territori colpiti dal terremoto". È questo il titolo della mozione del Consiglio Superiore "Beni...

Il Consiglio Superiore BCP a Matelica e Camerino

Due giorni intensi nelle zone terremotate delle Marche. Su invito dell'attivo sindaco di Matelica Alessandro Delpriori e dell'ottimo rettore di...

RIPORTIAMO A CASA UN FRAMMENTO DI STORIA DELLA DAUNIA.

Raccogliendo la sollecitazione di molte persone sui social media, la Fondazione Apulia felix lancia una raccolta di fondi per l'acquisto di una stele daunia in...

Un patrimonio italiano a Salerno

Pur in precarie condizioni, debilitato e dolorante, a causa di una brutta infezione alimentare (un pugliese non dovrebbe mai mangiare pesce crudo se non in...