Blog

Atene tardoantica e bizantina

Per chi si occupa di tarda antichità è d'obbligo visitare (o meglio rivisitare) il museo bizantino e cristiano di Atene, allestito in una bella struttura. E' un museo importante, con una prima sezione sull'età tardoantica-paleocristiana che ha una bella collezione di pezzi provenienti dalla stessa Atene e anche da altre località; sarcofagi, elementi architettonici e mosaici di chiese, ceramiche, lucerne, sigilli con simboli cristiani, sepolture e corredi funerari, ecc. Devo confessare che trovo incomprensibile (o meglio comprensibilissimo, purtroppo) che alcune importanti elementi della chiesa paleocristiana del Partenone siano esposti qui e non nel museo dell'Acropoli, come sarebbe stato preferibile per illustrare il contesto di quel luogo e di quel monumento in tutte le sue fasi (ma il Museo dell'Acropoli non è un museo contestuale e diacronico di un sito, perché si limita a illustrare le fasi classiche, lasciando perdere tutta la storia successiva, tardoantica, medievale e moderna). Segue un'ampia sezione medievale, con molti elementi di chiese bizantine, arredi, ceramiche, e poi una straordinaria collezione di icone. Dopo la visita ho tentato di raggiungere il sito della chiesa paleocristiana dell'Ilissos, di cui sono esposti nel museo vari elementi, posta non lontano dall'Olympeion. Finalmente ci arrivo e trovo un sito chiuso, recintata, in stato di quasi abbandono e che riesco a malapena a fotografare aggrappato alla cancellata: ancora una dimostrazione del pregiudizio classicista della Grecia, che forse dovrebbe valorizzare anche le altre fasi della sua storia e non vivere solo nell'esaltazione di un momento, sia pur straordinario, come l'età classica.
<< Indietro

Ultimi post

Parasite-paradise

Ho visto il film Parasite, di recente vincitore a Cannes. Un film molto originale, per certi versi spiazzante, divertente e paradossale ma anche drammatico e...

Archeologia, riportiamo a casa il tesoro di Lucera: il crowdfunding per restituire alla comunità tre antiche teste

Tra il 1934 e il 1935, Renato Bartoccini, allora soprintendente alle Antichità della Puglia, condusse scavi nell'area della villa comunale di Lucera,...

«Per Palazzo d’Avalos il ministero pensa a un intervento concreto»

Parla l’archeologo Giuliano Volpe, ex presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali fino allo scorso anno di Federico...

Giusto che l'Uomo Vitruviano vada a Parigi, ma non può essere il Tar a decidere

Il TAR del Veneto ha respinto il ricorso con il quale Italia Nostra chiedeva di bloccare il prestito al Louvre dell’Uomo Vitruviano di Leonardo...