Blog

Buon lavoro ai nuovi funzionari MiBACT

In questi giorni prendono servizio nel MiBACT 129 archeologi. Un numero significativo, destinato a crescere ulteriormente. Insieme a 63 storici dell'arte. A breve, finalmente, anche gli architetti e gli archivisti. Nei giorni scorsi avevo letto 'giuste' proteste per la presenza di un solo archeologo in Basilicata (ora ne arrivano 6, 5 in soprintendenza 1 al Polo) o per l'assenza in Abruzzo (ora 5, 3 in Soprintendenza, 2 al Polo): sarebbe bastato aspettare qualche giorno o forse anche ricordare le precedenti gestioni, che avevano ridotto le soprintendenze in quelle condizioni. Faccio un cenno ad una situazione che conosco meglio: In Puglia prenderanno servizio ben 14 archeologi (1 in segretariato, 4 in Soprintendenza Foggia, 2 in Soprintendenza Lecce, 4 al Polo, 4 al MARTA): una dotazione, insieme ai funzionari già in servizio, che porta la regione a disporre della maggiore disponibilità di funzionari archeologi (ma lo stesso vale per le altre figure) di ogni tempo. A proposito di presunta volontà di demolire la tutela del patrimonio! Sono stati risolti tutti i problemi? certamente no! Serve più personale e servono più fondi per il lavoro ordinario, più mezzi, più tecnologie, sedi adeguate. Bisogna lavorare per una maggiore integrazione tra le varie strutture periferiche territoriali, superando inutili (e autolesioniste) contrapposizioni, e integrare maggiormente la collaborazione tra le strutture statali e gli enti regionali e locali e in particolare le università e il mondo della scuola, creare veri sistemi museali regionali, dar vita a nuove forme innovative di gestione, uscire definitivamente da logiche autoreferenziali e accrescere l'inclusività e le aperture.
Ora bisognerà subito impegnarsi non solo per le altre assegnazioni già previste con l'ulteriore scorrimento della graduatoria di questo concorso, ma soprattutto nel programmare prossimi concorsi, più regolari e sistematici, per garantire finalmente un turn over continuo. A nuovi colleghi che stanno per prendere servizio i migliori auguri di buon lavoro.

<< Indietro

Ultimi post

Formazione e tutela del patrimonio culturale, un filo spezzato da riannodare

Un anno fa (era il 12 luglio 2017), in una riunione congiunta del Consiglio superiore beni culturali e paesaggistici" del Mibact (allora c'era anche la T di...

Assumere per i beni culturali è necessario, ma come?

Nell’audizione alle Commissioni Parlamentari di Camera e Senato del neoministro ai beni e alle attività culturali (e da qualche giorno non...

Pina Belli, una combattente 'rompiscatole'

Oggi al funerale di Pina Belli nella splendida basilica di San Nicola a lei tanto cara con tanta gente, tanti amici, tanti colleghi, ho avuto il privilegio di...

Pina e l'arte medievale pugliese

Con Pina Belli D'Elia scompare un gigante della nostra terra.
Pugliese adottiva ma dalla cittadinanza esemplare, storica dell'arte, insegnante e maestra,...