Blog

L'isola delle rose

Giorni di (piacevole) clausura familiare, ideali, oltre che per le delizie della tavola, anche per guardare film e serie (per me una novità: continuo a godere il piacere della bella serie francese Dis pour cent). Ieri è stato il caso dell'italiano 'L'incredibile storia dell'isola delle rose' di Sidney Sibilia, il geniale regista di 'Smetto quando voglio'. Mi è piaciuto e mi ha fatto scoprire una vicenda che sinceramente ignoravo, quella dell'esperimento della 'Repubblica Esperantista dell’Isola delle Rose' realizzata che l'ing. Giorgio Rosa tra il 1957 e il 1967 e che il 1 maggio del 1968 si proclamò micronazione indipendente, emettendo passaporti, moneta e francobolli. Attori molto bravi, a partire dal protagonista Elio Germano, e vicenda ben raccontata, anche se molto romanzata rispetto a quella reale: Giorgio Rosa, ingegnere che da giovane aveva aderito alla Repubblica di Salò, mise molti anni per realizzare la sua piattaforma in acque internazionali e non sono mai stati davvero chiariti gli obiettivi che si poneva con quel suo progetto. Nel film Rosa viene presentato come un geniale, stravagante, sognatore, progressista, un po' anarcoide. Non male anche gli spunti sul contesto politico, con una rappresentazione realistica e al tempo molto ironica e divertente dei governi democristiani dell'epoca, con Giovanni Leone interpretato da Luca Zingaretti, irriconoscibile, e Franco Restivo, ministro degli Interni, magistralmente interpretato da Fabrizio Bentivoglio, le influenze vaticane, gli organismi internazionali dell'ONU e del Consiglio d'Europa, la vita estiva di Rimini, le prime discoteche, le canzoni, i moti del 68. L'intervento militare italiano per distruggere la piattaforma rappresenta anche, per fortuna, l’unica guerra d’invasione della Repubblica Italiana.
<< Indietro

Ultimi post

Cultura e turismo nella bozza del “Recovery Plan” del Governo

Qualche settimana fa avevamo sostenuto con forza l’esigenza di un Cultural Recovery Plan, cioè un piano capace di porre la cultura quale...

La Società Parchi Val di Cornia, un modello che deve continuare a essere tale

Seguo con grande preoccupazione la vicenda della Società Parchi Val di Cornia, che spero vivamente possa trovare una soluzione...

Grazie prof. Martin

Un'altra pessima notizia ciè appena giunta; Una grave perdita per il mondo della ricerca storica e della cultura: è scomparso Jean-Marie Martin....

Finalmente un punto di incontro tra cultura e università

La fine del difficilissimo 2020 ha visto la nascita di uno strumento, atteso da anni, che potrebbe consentire un felice incontro tra due...