Blog

La ragazza nella nebbia e Dal tramonto all'alba

Continua la segnalazione di film visti (e che consiglio di vedere) ai tempi del coronavirus. Uno italiano e l'altro statunitense.
Il primo è italiano ed è tratto da un romanzo italiano (scrittore e regista coincidono, circostanza alquanto rara), ma non sembra un classico film italiano (e questo è un complimento): "La ragazza nella nebbia" di Donato Carrisi, molto ben interpretato dal sempre ottimo Toni Servillo (perfetto nella parte dell'agente speciale Vogel, intelligente e vanitosissimo investigatore all prese con la scomparsa di una sedicenne in un paesotto isolato in una sperduta valle montana), dai bravissimi Jean Reno e Alessio Boni oltre ad altri non meno convincenti. Poliziesco psicologico, colto, con un buon ritmo, che mette in evidenza anche i drammi provocati dall'uso mediatico delle indagini e della costruzione del mostro, non privo di varie sorprese, come si deve in un buon poliziesco. 
Il secondo è un film tra il poliziesco e l'horror, o meglio per metà poliziesco e per metà horror, molto pulp (non a caso è interpretato da un giovanissimo Quentin Tarantino) e sempre con un fondo di ironia e di commedia: "Dal tramonto all'alba" di Robert Rodriguez. Due fratelli in fuga (un giovanissimo George Clooney alle prime armi e Tarantino, quest'ultimo maniaco sessuale, con una faccia che è tutto un programma) dopo una rapina, seminano morti lungo il loro percorso e cercano di superare il confine con il Messico prendendo come ostaggi padre e due figli di una tranquilla famiglia; finiscono in uno stranissimo bar popolato da stranissimi personaggi (non dico quali per non togliere troppo la sorpresa). 
Film barocco, ricco di corpi straziati e troppo pieno di elementi, frutto di una sceneggiatura giovanile (pare scritta ai tempi del liceo), che però conserva tutto il suo interesse. Nonostante il film sia datato (è del 1996), anche gli effetti 'speciali' sono di grande effetto. Chi ama il genere lo apprezzerà. Secondo me va visto, e non solo perché siamo reclusi in casa.

<< Indietro

Ultimi post

Viaggio nell’Italia virtuosa. La città romana di Suasa

Nella quarta tappa del viaggio nell’Italia virtuosa, Giuliano Volpe ci accompagna nel Parco Archeologico Regionale della città romana di Suasa: un...

Presentazione del Progetto di valorizzazione della Fortezza di Lucera

Recentemente è stato consegnato al Comune di Lucera il ‘Progetto di Valorizzazione della Fortezza Sveva-Angioina di Lucera’ elaborato a cura...

“Ripartire dalla cultura significa parlare del futuro del nostro Paese”

Le nostre interviste al tempo del coronavirus Giuliano Volpe è da febbraio 2020 Consigliere del Ministro Dario Franceschini...

Archeologia pubblica a Unibo

Mercoledì 13 maggio alle ore 17:00 discuterò con il caro amico e collega Andrea Augenti i contenuti del mio nuovo libro 'Archeologia pubblica....