Blog

Quel giorno d'estate

Stasera ho visto un bel film, commovente e delicato come solo forse certi film francesi sanno essere, 'Quel giorno d'estate', che affronta un tema attualissimo, la morte improvvisa, senza senso, assurda, per un attentato terroristico, una bambina che perde la mamma (bravissima la giovanissima attrice Isaure Multrier) e ha come unico appiglio un giovane zio ventiquattrenne che fa lavori precari (un bravissimo Vincent Lacoste). Un clima post Bataclan, che non a caso ha per protagonisti giovani e giovanissimi. Dolore, paura, spaesamento, insicurezza, tenerezza, amore, voglia di recuperare anche quando la partita sembra persa (come nella scena finale della gara di tennis a Wimbledon), tutta una galleria di sentimenti molto umani descritti in maniera credibile e delicata. Bellissima Parigi, altra protagonista del film, con splendide riprese in movimento, di corsa, in bicicletta.

<< Indietro

Ultimi post

Parasite-paradise

Ho visto il film Parasite, di recente vincitore a Cannes. Un film molto originale, per certi versi spiazzante, divertente e paradossale ma anche drammatico e...

Archeologia, riportiamo a casa il tesoro di Lucera: il crowdfunding per restituire alla comunità tre antiche teste

Tra il 1934 e il 1935, Renato Bartoccini, allora soprintendente alle Antichità della Puglia, condusse scavi nell'area della villa comunale di Lucera,...

«Per Palazzo d’Avalos il ministero pensa a un intervento concreto»

Parla l’archeologo Giuliano Volpe, ex presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali fino allo scorso anno di Federico...

Giusto che l'Uomo Vitruviano vada a Parigi, ma non può essere il Tar a decidere

Il TAR del Veneto ha respinto il ricorso con il quale Italia Nostra chiedeva di bloccare il prestito al Louvre dell’Uomo Vitruviano di Leonardo...