Blog

Quel giorno d'estate

Stasera ho visto un bel film, commovente e delicato come solo forse certi film francesi sanno essere, 'Quel giorno d'estate', che affronta un tema attualissimo, la morte improvvisa, senza senso, assurda, per un attentato terroristico, una bambina che perde la mamma (bravissima la giovanissima attrice Isaure Multrier) e ha come unico appiglio un giovane zio ventiquattrenne che fa lavori precari (un bravissimo Vincent Lacoste). Un clima post Bataclan, che non a caso ha per protagonisti giovani e giovanissimi. Dolore, paura, spaesamento, insicurezza, tenerezza, amore, voglia di recuperare anche quando la partita sembra persa (come nella scena finale della gara di tennis a Wimbledon), tutta una galleria di sentimenti molto umani descritti in maniera credibile e delicata. Bellissima Parigi, altra protagonista del film, con splendide riprese in movimento, di corsa, in bicicletta.

<< Indietro

Ultimi post

Beni culturali, la riforma-pasticcio di Bonisoli

È francamente un pasticcio. È difficile definire altrimenti questa ‘riforma’ chiaramente priva di una visione complessiva, con un...

Uomini, istituzioni, mercati. Studi di storia per Elio Lo Cascio


Oggi alla Sapienza a Roma è stato festeggiato un grande storico, un grande maestro, un caro amico, Elio Lo Cascio, con un libro in suo onore,...

La girandola dei dirigenti ai parchi archeologici in Sicilia

Ho appreso dai giornali la notizia della girandola dei dirigenti ai parchi archeologici dell’Isola, recentemente istituiti, per...

Museo Campano di Capua: merita molto di più!

Sono tornato dopo alcuni anni al Museo Campano di Capua. Museo ex provinciale, passato alla Regione Campania e riassegnato per la gestione alla Provincia. Un...