Blog

Stephanie Mailer meno convincente di Harry Quebert

‘La scomparsa di Stephanie Mailer’ mi è piaciuto ma meno del suo precedente, sorprendente, ‘La verità sul caso Harry Quebert’. Joël Dicker si conferma però uno scrittore straordinariamente capace oltre che prolifico. Anche questo corposo romanzo si muove con grande agilità tra due momenti diversi mettendo in campo una quantità impressionante di personaggi e di storie incastrate tra loro. Giallo un po’ meno avvincente del precedente, ha però ritmo, incuriosisce con lo scorrere delle tante pagine, confermando le notevoli qualità di scrittura del giovanissimo narratore svizzero. Lo consiglio, anche se il libro è un po’ troppo lungo e certo non tascabile, tanto che ho approfittato di una andata e ritorno dalla Cina per leggerlo. Ma non è che si può andare in Cina ogni volta che si legge un libro di molte centinaia di pagine di Dicker!
<< Indietro

Ultimi post

Autonomie regionali e la tutela del patrimonio culturale

«La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della...

IL BENE E’ NOSTRO … PERCHE’ SIA DI TUTTI LA GESTIONE DAL BASSO DEL PATRIMONIO CULTURALE APPUNTAMENTO. A FIRENZE

A Firenze, sabato 23 febbraio, nell’ambito di TourismA 2019 Il  Salone dell’archeologia e del turismo culturale, si riuniranno per la prima...

Prin, si riparte

Bel risultato dell'archeologia Unifg. Ben due PRIN (Progetti di rilevante interesse nazionale) vinti come unità locale, uno, con il mio coordinamento,...

Facciamo Storia per favore! Un "manifesto" per ripartire

È già trascorso un anno dalla scomparsa di Raffaele Licinio, ultimo esponente di rilievo della gloriosa scuola storica medievistica barese, ormai...