Blog

Stephanie Mailer meno convincente di Harry Quebert

‘La scomparsa di Stephanie Mailer’ mi è piaciuto ma meno del suo precedente, sorprendente, ‘La verità sul caso Harry Quebert’. Joël Dicker si conferma però uno scrittore straordinariamente capace oltre che prolifico. Anche questo corposo romanzo si muove con grande agilità tra due momenti diversi mettendo in campo una quantità impressionante di personaggi e di storie incastrate tra loro. Giallo un po’ meno avvincente del precedente, ha però ritmo, incuriosisce con lo scorrere delle tante pagine, confermando le notevoli qualità di scrittura del giovanissimo narratore svizzero. Lo consiglio, anche se il libro è un po’ troppo lungo e certo non tascabile, tanto che ho approfittato di una andata e ritorno dalla Cina per leggerlo. Ma non è che si può andare in Cina ogni volta che si legge un libro di molte centinaia di pagine di Dicker!
<< Indietro

Ultimi post

H memorie di Eacle


Vorrei consigliare la lettura dei un bel romanzo, H Memorie di Eracle, di Sergio Fontana, un archeologo che sta sperimentando varie forme di...

Dalle fiamme di Notre Dame parta un impegno comune europeo per il patrimonio culturale

Le fiamme hanno colpito il simbolo principale di Parigi e della Francia, e non solo. Fiamme che hanno sconvolto e gettato in una condizione di...

Per i 70 anni di Daniele Manacorda

Questa di oggi è soprattutto una festa per un carissimo amico e non vogliamo trasformarla in un rito accademico. Abbiamo voluto - un gruppo di amici,...

Un altro miracolo a Napoli: santa Luciella dei Librai

Domenica ho avuto la possibilità di visitare la chiesetta di santa Luciella dei Librai. Una delle tante chiese chiuse da decenni nel centro storico di...