Blog

Stephanie Mailer meno convincente di Harry Quebert

‘La scomparsa di Stephanie Mailer’ mi è piaciuto ma meno del suo precedente, sorprendente, ‘La verità sul caso Harry Quebert’. Joël Dicker si conferma però uno scrittore straordinariamente capace oltre che prolifico. Anche questo corposo romanzo si muove con grande agilità tra due momenti diversi mettendo in campo una quantità impressionante di personaggi e di storie incastrate tra loro. Giallo un po’ meno avvincente del precedente, ha però ritmo, incuriosisce con lo scorrere delle tante pagine, confermando le notevoli qualità di scrittura del giovanissimo narratore svizzero. Lo consiglio, anche se il libro è un po’ troppo lungo e certo non tascabile, tanto che ho approfittato di una andata e ritorno dalla Cina per leggerlo. Ma non è che si può andare in Cina ogni volta che si legge un libro di molte centinaia di pagine di Dicker!
<< Indietro

Ultimi post

Viaggio nell’Italia virtuosa. La città romana di Suasa

Nella quarta tappa del viaggio nell’Italia virtuosa, Giuliano Volpe ci accompagna nel Parco Archeologico Regionale della città romana di Suasa: un...

Presentazione del Progetto di valorizzazione della Fortezza di Lucera

Recentemente è stato consegnato al Comune di Lucera il ‘Progetto di Valorizzazione della Fortezza Sveva-Angioina di Lucera’ elaborato a cura...

“Ripartire dalla cultura significa parlare del futuro del nostro Paese”

Le nostre interviste al tempo del coronavirus Giuliano Volpe è da febbraio 2020 Consigliere del Ministro Dario Franceschini...

Archeologia pubblica a Unibo

Mercoledì 13 maggio alle ore 17:00 discuterò con il caro amico e collega Andrea Augenti i contenuti del mio nuovo libro 'Archeologia pubblica....