Blog

L'archeologia che cura

Questo articolo pubblicato sul Venerdì di qualche settimana fa indica la partecipazione allo scavo archeologico come una possibile pratica terapeutica per alcuni soggetti. È di mostrato infatti che il lavoro di gruppo, la sintesi tra lavoro intellettuale e lavoro manuale, la curiosità insita nel lavoro di ricerca sul campo, il rigore e il rispetto di precise regole e procedure e altri aspetti dell'attività archeologica, dalla ricognizione allo scavo, dal trattamento dei materiali a interventi di restauro abbiano effetti positivi su ragazzi, adolescenti e anche su adulti con vari problemi. È questo un altro aspetto del ruolo dell’archeologia nella società italiana, insomma un aspetto dell’Archeologia pubblica. Si tratta di una delle tante possibilità anche per articolare diversamente la professione dell'archeologo. Peccato che in Italia operazioni del genere sarebbero molto difficili se non impossibili: alcuni anni fa una circolare dell'allora direttore generale impediva categoricamente la partecipazione di 'volontari' e di non archeologi, anche sotto il controllo di archeologi professionisti o di professori universitari, sulla base di una lettura strumentale e burocratica della Convenzione de La Valletta del 1992. C'è molto da fare per una via italiana all'Archeologia pubblica.
<< Indietro

Ultimi post

Rilanciare il "modello siciliano” di tutela dei beni culturali

“Ridare dignità agli archeologi e all’archeologia della Sicilia”, il titolo di un duro documento della Federazione delle Consulte...

Senza fine

Concludo la mia esperienza 2021 alla nostra di Venezia (non senza problemi come accreditato per prenotare i film da vedere!) con un dicufilm leggero, piacevole,...

El otro Tom

ltro film con la storia di una mamma e di un figlio, ambientata negli Stati Uniti ispanici: El otro Tom, con la regia di Rodrigo Plá, Laura Santullo. Una...

Mama ya doma

A mio parere un gran film, Mama ya doma (mamma sono a casa), film russo di Vladimir Bitokov con una straordinaria Kseniya Rappoport (meriterebbe un premio!)...