Blog

Per conservare la memoria sociale

Un bel film visto di recente, Still Alice, commovente e anche un po’ angosciante, con una straordinaria Julianne Moore, racconta il rapido processo degenerativo di una donna, Alice Howland, intellettuale raffinata, affermata docente di linguistica alla Columbia University di New York, a causa di una forma rara e precoce di morbo di Alzheimer. Oltre alla tragica malattia che distrugge lentamente le persone, come ognuno di noi sa bene per esperienza personale relativa a parenti o amici, il film mi ha fatto riflettere sul rapido processo degenerativo che potrebbe riguardare il nostro Paese e in generale l’Europa, con gli stessi effetti: difficoltà nel linguaggio e perdita della memoria. Il nostro Paese ha rischiato e continua a rischiare di ammalarsi di una forma di Alzheimer collettivo, una malattia sociale basata sulla perdita di memoria, di identità, di dignità.  E come per Alice, la cui intelligenza e cultura peggiora e accelera il suo disfacimento, come le dice il suo neurologo, un analogo paradosso pare riguardare il nostro Paese. Allo stesso modo, la sua coraggiosa lotta per controllare se stessa e salvare la sua dignità ricorda gli sforzi di tanti per bloccare il processo degenerativo e invertire la rotta. Una soluzione definitiva per curare l’Alzheimer non c’è ancora e anche Alice in una conferenza incita a non rassegnarsi e a intensificare gli sforzi della ricerca. Una cura per curare “l’Alzheimer” sociale italiano e europeo ci sarebbe: investire in cultura e formazione, curare e valorizzare il patrimonio culturale e il paesaggio, rigenerare le città, i centri storici e le periferie, abbandonare una visione elitaria della cultura, fare della cultura un elemento di sviluppo, di lavoro e di miglioramento delle condizioni di vita, conquistare sempre più persone alla riscoperta e alla salvaguardia della memoria sociale. 


<< Indietro

Ultimi post

Spiegate a Zahi Hawass che l’Egizio di Torino non è uno scalcagnato museo di provincia

È proprio sicuro il ministro Sangiuliano di cambiare l'attuale brillante gestione affidandosi all’archeologo egiziano che rappresenta...

Gli indesiderati

Sono tornato finalmente al cinema. In un periodo dell'anno che vede i cinema deserti. Certo non è facile in una sala non climatizzata, ma con il...

Torna l'archeologia a Rai Radio3 con Andrea Augenti

Vite tra le rovine. I grandi protagonisti dell’archeologia Questo nuovo ciclo di trasmissioni dedicato all’archeologia porta in primo...

Mandare via Christian Greco crea un danno al Museo Egizio e a Torino

Sangiuliano ha cominciato a far trapelare il nome di Zahi Hawass alla presidenza della Fondazione. Una maniera indiretta per far fuori Greco, magari costretto a...