Blog

Servi della gleba?

Produce una tristezza enorme e un senso di malessere e anche di vergogna, mentre contiamo quotidianamente i morti tra i medici e assistiamo grati al sacrificio quotidiano di infermieri, operatori sanitari, poliziotti, carabinieri, personale della protezione civile e tanti volontari (volontari sì, ricordiamocene quando si fanno le polemiche contro i volontari!) e mentre tanti professionisti, anche quelli della cultura, precari e senza garanzie, sono a casa senza alcuna forma di compenso e di futuro, leggere le lamentele di un funzionario su un sito noto per fare della polemica catastrofista e distruttiva a prescindere la sua ragione di esistere. Poverina, è 'costretta' al lavoro da casa, addirittura con usando il suo computer personale e la sua rete internet, sentendosi quasi un "servo della gleba" (potrei suggerirle qualche libro di storia medievale per capire a quale stato giuridico e sociale si sta paragonando). Forse l'unica scusante è lo stipendio - che comunque c'è, piccolo dettaglio da ricordare solo per rispetto di chi non lo ha - oggettivamente basso, ma questo è un problema non di questo momento ma generale, esito della sottovalutazione del lavoro di insegnanti e professionisti della cultura nel nostro Paese.
Per fortuna la stragrande maggioranza dei funzionari è di tutt'altra pasta: lavorano come e più di prima, con i mezzi che hanno, e anche con grande creatività oltre che con competenza e professionalità, ne approfittano anche per studiare, fare letture lasciate da tempo in sospeso, scrivere. Non dimenticano di essere anche ricercatori. Consapevoli anche di essere - noi tutti prescindendo dalle afferenze a diversi ambiti - dei 'privilegiati', sì dei privilegiati, con garanzie che altri non hanno e anche un mestiere tra i più belli: occuparsi per professione di cultura, di studio, di patrimonio culturale e del suo senso e valore per i cittadini e per la società contemporanea, anche in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo.

<< Indietro

Ultimi post

Senza fine

Concludo la mia esperienza 2021 alla nostra di Venezia (non senza problemi come accreditato per prenotare i film da vedere!) con un dicufilm leggero, piacevole,...

El otro Tom

ltro film con la storia di una mamma e di un figlio, ambientata negli Stati Uniti ispanici: El otro Tom, con la regia di Rodrigo Plá, Laura Santullo. Una...

Mama ya doma

A mio parere un gran film, Mama ya doma (mamma sono a casa), film russo di Vladimir Bitokov con una straordinaria Kseniya Rappoport (meriterebbe un premio!)...

Ma nuit

Film molto francese, Ma Nuit, di Antoinette Boulat con la brava Lou Lampros, nella parte di Marion, una ragazza bella e tristissima, con una famiglia scassata,...