Blog

Marsiglia, alle tre della notte.

L'ultimo libro di Gianrico Carofiglio conferma le sue doti di narratore. Un libro che si legge facilmente e piacevolmente. Scritto come sempre in maniera impeccabile, elegante, con tante citazioni letterarie (splendida quella che ispira il titolo, tratta da 'Tenera è la notte' di Scott Fitzgerald "Nella vera notte buia dell'anima sono sempre le tre del mattino") e musicali (soprattutto tanto jazz), con personaggi ben costruiti e una storia semplice e coinvolgente di un rapporto tra padre e figlio e di una transizione dall'adolescenza alla maturità, molto ben ambientata a Marsiglia. Quest'ultimo aspetto mi ha fatto particolarmente apprezzare il libro, perché amo Marsiglia che ho frequentato per tanti anni per motivi di ricerca archeologica e che ho conosciuto esattamente nei primi anni 80 in cui è ambientata la storia narrata da Carofiglio. Ho ritrovato così luoghi e personaggi del Vieux Port e dei quartieri degli immigrati che ho conosciuto, provando sensazioni assai simili (ricordo ancora il mio primo giorno nell'agosto del 1985, da solo a bordo dell'Archéonaute, in compagnia di due marinai di guardia, di cui allora capivo a stento la lingua, e un mondo sconosciuto e non proprio rassicurante nei pressi del Fort St. Jean).

<< Indietro

Ultimi post

#facciamofiorireFoggia

Questa mattina è partita l'operazione #facciamofiorireFoggia della Fondazione Apulia Felix onlus. E' un piccolo, minuscolo, segnale di...

Loro e noi

Visto Loro (1 e 2). Giudizio controverso e non facile. Film complesso. Parti più riuscite, parti meno. Inutile forse dividerlo in due parti, avrebbe...

Il Museo dell’Innocenza

Il Museo dell’Innocenza di Orhan Pamuk è un romanzo meraviglioso. È la bella, toccante, travolgente, storia d’amore di Kemal, giovane...

Le riforme del MiBACT e gli autisti delle navette

«Una giornata da incubo in gita a Castel del Monte» Non è stata una...