Blog

Marsiglia, alle tre della notte.

L'ultimo libro di Gianrico Carofiglio conferma le sue doti di narratore. Un libro che si legge facilmente e piacevolmente. Scritto come sempre in maniera impeccabile, elegante, con tante citazioni letterarie (splendida quella che ispira il titolo, tratta da 'Tenera è la notte' di Scott Fitzgerald "Nella vera notte buia dell'anima sono sempre le tre del mattino") e musicali (soprattutto tanto jazz), con personaggi ben costruiti e una storia semplice e coinvolgente di un rapporto tra padre e figlio e di una transizione dall'adolescenza alla maturità, molto ben ambientata a Marsiglia. Quest'ultimo aspetto mi ha fatto particolarmente apprezzare il libro, perché amo Marsiglia che ho frequentato per tanti anni per motivi di ricerca archeologica e che ho conosciuto esattamente nei primi anni 80 in cui è ambientata la storia narrata da Carofiglio. Ho ritrovato così luoghi e personaggi del Vieux Port e dei quartieri degli immigrati che ho conosciuto, provando sensazioni assai simili (ricordo ancora il mio primo giorno nell'agosto del 1985, da solo a bordo dell'Archéonaute, in compagnia di due marinai di guardia, di cui allora capivo a stento la lingua, e un mondo sconosciuto e non proprio rassicurante nei pressi del Fort St. Jean).

<< Indietro

Ultimi post

MOZIONE CSBCP PER UN MIGLIORE FUNZIONAMENTO DEI COMITATI SCIENTIFICI DEI MUSEI

Il Consiglio Superiore Beni Culturali e Paesaggistici nella riunione del 19 febbraio 2018 ha sviluppato una riflessione sul funzionamento dei Comitati...

Quasi giallo

Oggi ho presentato, sia pur rapidamente, 'Quasi giallo' di Enrico Giannichedda a TourismA. Un bel romanzo archeologico, che è al tempo stesso un giallo...

Un pensiero per un amico che non c'è più

Ho appena avuto la dolorosa notizia della scomparsa nella notte di un carissimo amico e un bravissimo collega, Donato Pastore, stroncato nel giro di poco...

Solidarietà al direttore del Museo Egizio Ch. Greco

Ecco cosa si minaccia! Si vorrebbe mandare via (ma in realtà non possono, ignorano anche che l'Egizio è gestito da una Fondazione e non dal...