Blog

Pina e l'arte medievale pugliese

Con Pina Belli D'Elia scompare un gigante della nostra terra.
Pugliese adottiva ma dalla cittadinanza esemplare, storica dell'arte, insegnante e maestra, innovatrice instancabile, ironica conoscitrice dell'animo umano, con lei perdiamo una Donna declinata al maiuscolo.
Insieme a Michele D'Elia, suo marito, fu artefice della rivoluzione nel metodo di indagine nella storia dell'arte pugliese e meridionale, sin dalle prime grandi e pionieristiche opere sul romanico pugliese ed alle grandi mostre, ancora oggi fondamentali documenti di studio per ricercatori e studenti.
Ai suoi figli va l'affetto della nostra associazione e le nostre condoglianze. Con la consapevolezza che mancherà, e molto, anche a noi tutti.

Associazione del Centro di Studi Normanno-Svevi

Pina era una donna, una docente, una studiosa, una cittadina esemplare. Grande passione e grande rigore. Con Michele, poi, formava una coppia strepitosa. La ricordo con grande affetto quando da soli decidemmo di 'colonizzare' Santa Teresa dei Maschi, io alla ricerca di spazi per il laboratorio di archeologia, lei per le sue attività laboratoriali di docente competente, appassionata e generosa. Sono molto triste per questa perdita.
<< Indietro

Ultimi post

Dl Genova: Casini spiega perché è un condono edilizio, buttati via oltre 15 anni di tutela del paesaggio

Nel Decreto legge su Genova è stato inserito un quarto condono edilizio per Ischia che ha riflessi enormi sulla tutela del paesaggio nel nostro Paese. E...

Non si interrompa il ‘miracolo’ di san Gennaro!

L'avevo denominata 'Operazione San Gennaro' nel mio libro Un patrimonio italiano, nel quale illustro vari casi di buona gestione del patrimonio culturale....

La riunione

Stasera, in una sala deserta, ho visto un film davvero notevole, svedese (in lingua originale con sottotitoli), The reunion di Anna Odell (che è...

Poco spazio per la cultura nella manovra. Ministro Bonisoli, pretenda di più

Cosa è previsto nella Finanziaria per il patrimonio culturale? I dati certi disponibili sono ancora pochi e ovviamente bisognerà attendere il...